mercoledì 18 maggio 2011

Lentamente muore...

Lentamente muore

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ognigiorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero subianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sullavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.(P. Neruda)


Non so se conoscete questa poesia, che viene da sempre attribuita a Pablo Neruda, ma che pare sia di Martha Medeiros, una scrittrice brasiliana.

Chiunque sia l'autore, è un bellissimo inno alla vita, che dovremmo leggere ogni volta che ci sentiamo giù...

E' vero che essere vivi richiede uno sforzo molto maggiore del semplice respirare, e aggiungo anche del morire...

Buona giornata a tutti!

martedì 17 maggio 2011

Ancora consigli per una cena romantica: gamberoni al sale!




Allora, come vedete non sono scappata...




Questi gamberoni li ho preparati per la cena di san valentino, e devo dire che sono ottimi.




Tutti noi sappiamo che il pesce, se è di ottima qualità, non necessita di cucine particolarmente elaborate, e questo metodo di cottura ne esalta alla grande il sapore.




E' un piatto semplice, ma di grandissimo effetto...provare per credere!




Ingredienti




1 kg di gamberoni




2 kg si sale grosso








1-Incidete i gamberoni sul dorso, e sfilate con un coltellino o una pinzetta il budellino.




2- Disponete sul fondo di una pirofila da forno 1 kg di sale grosso, adagiate i gamberoni non sovrapponendoli, e ricoprite con il resto del sale.




3- Infornate a 200° per non più di 10 minuti, 12 al massimo.




4- Lasciate intiepidire, rompete la crosta e servite i gamberoni accompagnati con spicchi di limone.




Incredibilmente, la carne rimane molto succosa e si sente il sapore del mare!




certo,i gamberoni devono essere freschissimi e di ottima qualità.




Buon Appetito!

lunedì 16 maggio 2011

Sono tornata davvero:aperitivo in rosso e croissant di mazzancolle!



Lo so, tante volte l'ho detto, e poi sono scomparsa di nuovo,ma stavolta rimango, non vado da nessuna parte!



Vi voglio suggerire un aperitivo in rosso, molto adatto ad una cenetta romantica, accompagnato da stuzzichini che potrebbero adattarsi benissimo anche ad un buffet.



Nei prossimi giorni le novità saranno tante, piano piano mi rimetto in carreggiata!



Aperitivo in rosso



2 parti di Aperol soda



1 parte di succo di pompelmo rosa



1 parte di succo d'arancia



Realizzare l'aperitivo è molto semplice: mescolate i tre succhi in una caraffa, e poi servitelo freddo nei flute.



Croissant di mazzancolle



1 confezione di pasta sfoglia rotonda



8 grandi mazzancolle



pepe



1 tuorlo per spennellare






1-Sgusciate le mazzancolle.



2-Tagliate in 8 spicchi la pasta sfoglia, e disponete alla base una mazzancolla,spolverizzate con una macinata di pepe fresco, arrotolate il cornetto partendo dalla base.



3- Spennellate con un pò di tuorlo d'uovo e tenete in frigo 15 min prima di infornare a 200° per 10 minuti.



Fatemi sapere che ne pensate,è uno stuzzichino veloce ma gustoso.



A presto

venerdì 4 marzo 2011

tagliatelle alla chitarra con ragù di coda di rospo


Vi presento oggi un primo piatto gustoso, che ho amato particolarmente, e che è nato, come la maggior parte dei casi, in un pomeriggio in cui non sapevo che fare.

La mia dolce metà ha apprezzato.

Non so se capita anche a voi,ma all'improvviso mi vengono in mente cose strane da realizzare, e provo...capite bene che mio marito è la mia cavia preferita, ma finora gli è andata sempre bene!

Ingredienti

2 code di rospo (circa 500 g )

olio

1 scalogno

peperoncino

vino bianco

succo di mezzo limone

sale

pepe

250 g di tagliatelle alla chitarra

1-tritate lo scalogno, e fatelo soffriggere in olio con un pò di peperoncino;

2-unite le code di rospo tagliate a cubetti non troppo piccoli (la carne della coda di rospo si sfalda in cottura), e fate ben rosolare;

3- sfumate con vino bianco e il succo di limone, regolate di sale e fate cuocere poco,5 minuti saranno sufficienti.

4- lessate le tagliatelle, versatele nel condimento e amalgamate, aiutandovi con un pò di acqua di cottura della pasta. Spolverizzate con prezzemolo tritato.

Buon appetito

martedì 1 febbraio 2011

Catalana di crostacei!


Anche oggi pesce!

Questa ricettina è una vera golosità, uno di quei piatti che ci concediamo quando vogliamo coccolarci, e abbiamo bisogno di trattarci da re!

Non so darvi proporzioni precise, fate voi, secondo il vostro gusto: io ho messo astice, mazzancolle e scampi, e li ho conditi con un'insalatina di pomodorini, cipolla rossa,olio e limone, e ho accompagnato, a parte, con una maionese all'aceto fatta da me.

Ingredienti

astice

mazzancolle

scampi

pomodorini

cipolla rossa di tropea

limone

olio

aceto

1 uovo

olio di semi

1- Lessate l'astice per pochi minuti, poi sgusciatelo con delicatezza, facendo attenzione alle vostre manine-il carapace è durissimo,vi potreste tagliare!

2- Lessate gli altri crostacei,ma poco,altrimenti diventano gommosi.

3- Riunite scampi e mazzancolle in una ciotola, e laciateli marinare in frigo con cipolla,pomodorini,olio,limone, sale e un pizzico di pepe.

4- Togliete la polpa all'astice, sia dal "corpo" che dalle chele, e fatele marinare in un pò di succo di limone.

5- per la maionese, mettete nel bicchiere del mixer ad immersione l'uovo, e iniziate a montare versando circa 1 dl di olio di semi; completate con un paio di cucchiai di aceto, e uguale quantità di succo di limone.

6- Ricomponete l'astice, e accomodate i pesci in un piatto da portata, con al centro l'astice e ovviamente anche le verdure. Versate sopra un pò della maionese, che servirete poi a parte in una salsiera.

Buon appetito

lunedì 31 gennaio 2011

Insalata di tonno affumicato


Carissimi,

vi posto una nuova ricetta di pesce, che potrebbe essere adattissima per la serata romantica di San Valentino, che è alle porte...comunque di San Valentino, che per me è una festa super-importante, parleremo più avanti.

Questa insalata di tonno io l'ho servita come antipasto,è molto gustosa,ha un sapore particolare, dato dal condimento di olio e arancio.

Ingredienti

300 g di carpaccio di tonno affumicato

100 ml di olio

100 ml di succo d'arancia

sale

pepe

150 g di pomodorini ciliegia

rucola per decorare

1-Tagliate a striscioline il carpaccio; lavare la rucola ed i pomodorini, e tagliare questi a spicchi.

2-Preparare il condimento emulsionando insieme olio e succo d'arancia, con sale e un pizzico di pepe.

3- Condite il tonno con il condimento, e lasciatelo marinare una mezz'ora.

4- Trascorsa questa mezz'ora,preparate in un vassoio da portata un letto di rucola, disponete il tonno con la sua marinata e completate con i pomodorini, prezzemolo e un pizzico di sale.

Buon appetito

lunedì 24 gennaio 2011

Eccomi di ritorno: insalata di farro e orzo con gamberi e rucola!




Ciao a tutti, cari amici ed amiche.


Sono tornata dopo qualche giorno di assenza,in cui non sono stata molto bene...ma eccomi di nuovo tra voi.


Anno nuovo vita nuova, giusto?


E allora nuova grafica per il blog, ed altre numerosissime novità che vi racconterò nei prossimi giorni...ho deciso di iniziare questo 2011 con una marcia in più,e quindi cominciamo.


Le feste di Natale sono state bellissime, ovviamente, ed ho avuto sempre tanta gente a casa a cena.


Vi posto la tavola che ho allestito per una serata con la mia carissima compagna di banco Cinzia ed il marito...per l'occasione, ho utilizzato il servizio "prima tavola" che mi hanno regalato i miei nonni per il matrimonio...dei piatti per me bellissimi, anche se un pò particolari, per la verità...


Oggi vi posto questo antipasto che preparo spessissimo anche come piatto unico per me e la mia adorata metà...provate, è gustosissimo...


Ingredienti:


300 g di orzo e farro da lessare


1 cipolla rossa di tropea


200 g di pomodori ciliegia


500 g di code di gambero


1 mazzetto di rucola


pepe


olio


sale


succo di limone


1-Lessate i cereali, seguendo le indicazioni della confezione.


2-Sgusciate le code di gambero, e lessatele per un paio di minuti, non di più, altrimenti diventano troppo asciutti e duri;


3- Affettate la cipolla di Tropea; lavate i pomodorini, e tagliateli in 4; lavate e tritate molto grossolanamente la rucola;


4-Preparate la citronette, come più vi piace.A me piace che si senta parecchio il limone,quindi utilizzo due parti di limone ed una di olio, con un pizzico di sale,ma procedete a piacimento.


5- Assemblate tutti gli ingredienti in un piatto da portata,condite con la citronette, regolando poi di sale, e aggiungete una macinata di pepe fresco.


Sono contenta di essere tornata tra voi...alla prossima!

lunedì 10 gennaio 2011

 

blogger templates | Make Money Online